martedì 12 settembre 2017

Fate beneficenza e ditelo in giro!!!

Dunque: partiamo da un video..


Quello che vedete è Patrice Evra, ex giocatore della Juventus, ora a Marsiglia, che nel suo giorno libero, spende parte della mattinata nel consegnare dei sacchetti della spesa contenenti beni di prima necessità, ai senzatetto di Marsiglia. Il tutto ripreso da una telecamera...

Reazione del web (e vi prego di non credermi ma di aprire la sezione dei commenti delle pagine Fb che hanno condiviso il video): falzo, falzissimo!!!111! La vera beneficenza si fa ma non si dice. Se ti fai riprendere da una telecamera lo fai per un tornaconto personale.

Eccolo l'uomo che non si è evoluto. Eccolo l'individuo, e qui la misantropia schizza verso vette mai toccate, di cui la Terra dovrebbe fare a meno. L'individuo che per il benessere di tutti, dovremmo auspicare che passi a miglior vita nel più breve tempo possibile.

Ok, respiro profondo. Argomentiamo.

La mia tesi è semplicissima: dire pubblicamente che si fa beneficenza o riprendere con una telecamera il gesto è una cosa che dovremmo far tutti. I benefici di agire in questo modo, superano di gran lunga il costo dell'azione stessa. E guardate: non è una questione di equilibrio personale. E' una questione molto più pratica di quanto pensiate. Soprattutto se vi fermate un momento ed iniziate a ragionarci su.

Da qualche anno, ogni Natale, la maggior parte dei regali materiali che faccio, la acquisto dagli shop online di Emergency, Unicef, Medici senza frontiere e via dicendo.

Perchè? Perchè ritengo che il loro contributo all'umanità sia degno del mio supporto. Potessi, farei di più. Ma finchè posso, alla creazione del mare delle risorse necessarie per queste organizzazioni, voglio contribuire anch'io con la mia umile goccia.

Quando lo faccio, pubblico su Fb un post col quale incoraggio i miei amici a fare altrettanto. Faccio insomma pubblicità a queste organizzazioni.

Volete sapere il motivo?

Perchè se ripenso a come sono venuto a conoscenza dei progetti di queste organizzazioni, trovo proprio una telecamera.

E' grazie ad una telecamera accesa nei villaggi della Sierra Leone che ho potuto rendermi conto del male che l'ebola stava facendo in quella zona del mondo. E' grazie ad una telecamera che filmava la distruzione del terremoto che ha colpito Haiti che mi son potuto rendere conto della fame che stavano subendo i bambini dell'isola. Ed è sempre grazie ad una telecamera che ho potuto vedere con i miei occhi in che condizione erano i migranti della tratta dei balcani, non più tardi di 1 anno fa.

Una telecamera, quella che l'omino medio critica, è stato il maggiore strumento di sensibilizzazione della mia coscienza.

Direte voi: ok, ma non è la stessa cosa. Un conto è riprendere la desolazione di una faccenda, un conto è riprendersi mentre si consegnano soldi o aiuti.

No raga. No.

La mia prima reazione al video di Evra è stata cazzo è da un po' che non aiuto il prossimo in qualche modo... sono un po' un coglione. Diamo un occhio agli shop. Magari c'è qualcosa che può servirmi. Magari c'è qualcosa che non so e che potrebbe essere degna dei miei soldi.

Una telecamera che filma un gesto, può sensibilizzare allo stesso modo di una stessa telecamera che riporta la situazione di una tragedia. Un "passaparola" visivo, che se vi fermate un momento, è dello stesso tipo dell'amico o familiare che vi dice, guardando le scene di un terremoto, di aver mandato l'sms-donazione al numero X per contribuire alla ricostruzione.

Comunque voi la guardiate, vi accorgerete che più se ne parla, più fondi finiranno nelle tasche di quelle organizzazioni che aiutano il prossimo, più gente nel mondo starà un po' meglio rispetto a prima.

Sicchè vi prego: la prossima volta che sentirete un vostro amico pronunciare sta merdata di luogo comune di beneficenza fatta in silenzio, se proprio non ve la sentite di parcheggiargli una mano in faccia, con le parole, fategli capire quanto la riservatezza sia dannosa in tema beneficenza, rispetto alla promozione del gesto stesso.


sabato 13 maggio 2017

La fine di un "sogno" chiamato Califfato - ISIS in Siria ed Iraq

Ricordate di cosa si parlava nei talk-show in onda nelle ore successive all'attentato del Bataclan? No? Ve lo ricordo io.

Dobbiamo combattere l'ISIS e porre fine al delirio del Califfato

E giù applausi a scena aperta per l'omino qualunque, che replicante, si lanciava nella frase di moda in quelle ore.

Qualche capomastro di studio intelligente, a quel punto, ribatteva pressapoco così:

Si ma come? Mandiamo lì i nostri soldati?

Queste 2 brevi domande lasciavano interdetto chiunque. Nessuno, politicanti o opinionisti che fossero, voleva dire la propria in maniera netta per paura di essere classificato in un certo modo e mettere a rischio se stesso e la propria reputazione di "opinionista", nel caso in cui la posizione indicata non si fosse rivelata vincente.

Ricordo l'unico intervento utile di quelle ore, andato in onda su Rai 2 nel corso di una puntata di Virus, condotto da Porro e poi chiuso per non si è mai capito bene per quale motivo.

Un ex generale italiano spiegò come al di là delle schermaglie politiche e del finto potere decisionale che i partiti credevano di avere indicando questa o quell'altra strada, all'opera c'erano già chi nella vita si occupa di pianificazione ed esecuzione di interventi militari in territori ostili.

Quel generale, di cui non ricordo il nome ed al quale Porro concesse 3 minuti in totale a star larghi, disse una cosa intelligente, ai limiti dello sconvolgente. Parafrasando i suoi interventi potremmo riassumere il succo con la seguente affermazione:

Guardate siete bellissimi. Bravo tu, bravo tu e bravo anche tu. Il terrorismo però è una cosa seria per cui facciamo che voi vi scannate in tv e noi troviamo il modo per arare il Califfato. Quando abbiamo finito, vi facciamo un fischio.

Dall'attentato del Bataclan è passato circa 1 anno e mezzo. E' giusto chiedersi come stanno le cose.

Per farvela molto molto breve, i territori in mano all'ISIS sono notevolmente diminuti.

Questa era l'estensione del Califfato aggiornata esattamente all'alba del 13 Novembre 2015, giorno in cui la cellula belga affiliata ad Abu Bakr al-Baghdadi, compì la strage del Bataclan.


Questa invece è la situazione attuale.


Al netto di una diversa colorazione di parte dei territori di Siria ed Iraq in mano a forze ribelli siriane (verde chiaro), milizia curda (YPG, YPJ e SDF in giallo) e governo iraqeno (rosso), appare alquanto evidente il ridimensionamento territoriale che l'ISIS ha dovuto subire sia in Iraq che in Siria.

Gran parte del territorio iraqeno è tornato sotto il controllo governativo. L'ISIS controlla soltanto il 10% di Mosul (seconda città iraqena a prevalenza sunnita) e la restante area è composta da un quadrante a Nord mediamente popolato, ed un quadrante Sud pressochè desertico.

Ma è in Siria dove il crollo dell'ISIS risulta più marcato sia quantitativamente che qualitativamente.

L'ISIS ha perso l'accesso ai confini turchi, molto chiacchierati e fonte di dissidi mediatici tra posizione filo-americana e posizione filo-russa. Se, come sostengono i filo-russi ma anche velatamente gli alleati occidentali, Erdogan ha giocato un ruolo importante nell'armamento del califfato, è facile capire come la presenza di una zona cuscinetto in mano ad Assad e ai suoi alleati che separa la frontiera turca ed i territori ad egemonia turcomanna (verdino scuro) dalle prime città ancora sotto il controllo dell'ISIS, abbia letteralmente fatto saltare il banco dell'organizzazione.

La fine del traffico di petrolio, reperti storici e organi in cambio di denaro, armamenti e uomini, hanno lasciato l'organizzazione a corto di pilastri vitali per la gestione e la difesa del territorio.

La "rivoluzione siriana", nessuno sa bene se con un reale dispendio di risorse o attraverso un accordo sottobanco, ha sottratto all'ISIS ulteriori territori nella parte occidentale della Siria, spostando sempre più verso l'Eufrate, l'egemonia "nera".

Inoltre, per quanti di voi non abbiano dimestichezza con la Siria, sappiate che gran parte dei territori che lambiscono il confine di stato con l'Iraq altro non sono che il prosieguo del deserto di cui vi parlavo prima a destra del confine.

L'ISIS dunque, con la perdita di Tabqa e la discesa delle forze curde parcheggiate ormai a 7km dalla "capitale" del califfato Raqqa (ormai delegittimata a favore dell'area e delle città che sorgono ai margini dell'Eufrate ed in prossimità del confine iraqeno) controlla ben pochi territori.

La parte ad est di Palmira e che colora di nero l'area attorno a Deir Ez-Zor rappresenta il prossimo obiettivo militare dell'operazione di riconquista del territorio siriano, lanciata da Assad e supportata da Russia ed Iran (ed in un certo qual modo anche da forze palestinesi). In quell'area infatti ci sono gran parte dei giacimenti petroliferi e di gas naturale di cui la Siria dispone e che, senza tema di smentita, rappresentano al momento la moneta di scambio tra Assad e Putin, il quale mette a disposizione il suo esercito, la sua intelligence ed i suoi jet in cambio di appalti da circa 20 miliardi di dollari gentilmente concessi da Assad stesso.

La situazione territoriale dell'ISIS dunque, è pressochè disastrosa. Raqqa verrà isolata da un'azione di accerchiamento simile a quella portata avanti nell'operazione di re-taking di Mosul, con le forse curde che varcheranno l'Eufrate ad Oriente della città e si ricongiungeranno con le brigate che da Tabqa muoveranno verso l'Eufrate stesso.

In contemporanea, in Iraq, al termine delle operazioni necessarie per liberare Mosul, partiranno con maggiore impulso rispetto ad oggi, le altre 3 operazioni volte a liberare il quadrante a nord-ovest di Mosul contenente Tal-Afar, il "pocket" ad ovest di Kirkuk, e l'area di confine (quella mista abitata mista desertica), che sanciranno definitivamente la fine del califfato in terra iraqena.

E' legittimo dunque credere che al termine di quest'estate l'egemonia territoriale nera si estenderà soltanto sui municipi a sud di Deir Ez-Zor.

In circa 2 anni dagli attentati di Parigi, in un modo o nell'altro, l'Occidente si sarà liberato del "big threat" ISIS, in modi che ad una analisi attenta, hanno coinvolto poco o nulla le varie fazioni politiche sia italiane che europee.

Il fischio promesso da quel generale quella sera da Porro non è ancora stato eseguito, ma mentre politica e politicanti sono ancora lì a capire bene cosa fare, qualcuno il cui approccio grazie a Dio resta puramente pragmatico, ha fatto ciò che c'era da fare per liberare l'Europa e il mondo intero, dal luogo fisico in cui vive e prolifera(va) una delle peggiori ideologie mai partorite dall'homo habilis.

martedì 9 maggio 2017

Billions - Finale seconda stagione - A caldo

++++++++++++++++++++++++++++++++SPOILER+++++++++++++++++++++++++++++++++

Vedete: in questo momento sono seduto sul letto con il portatile sulle gambe. La giornata è stata quello che è stata ed in questo momento non è il caso di pensarci.

Ho appena finito di vedere la puntata finale della seconda stagione di Billions e se l'adrenalina viaggiasse attraverso apposite vene lungo tutto il mio corpo, scommetterei qualunque cosa su una pressione all'interno di questi canali, ai massimi storici. Guardo le mie mani e le vedo tremare per colpa del sangue che pompa all'interno.

Dunque: sappiate che il mio engage nei confronti di una serie è molto "sentimentale". Se non vedo l'ora di vedere l'episodio successivo è già amore. Se il giorno dopo non ricordo nemmeno di aver visto quella roba lì, è molto probabile che non rivedrò mai più quel titolo. Anzi. Sarà stata come una malattia, che una volta infettato il mio organismo, lo abbandonerà lasciandosi dietro di se degli anticorpi che eviteranno un secondo contagio.

Billions rientra negli amori al primo millisecondo. Magari è colpa mia. Magari sono esattamente l'omino medio che questo genere di serie tv si prefigge di colpire. Soldi che volano come anatre, potere, fascino legato al potere. Insomma robaccia per alcuni. Per me invece è un 170 pulsazioni al minuto con le gambe che continuano a rullare su una cazzo di cyclette perchè di garra in corpo ce n'è ancora.

Che serie. Ci sono pochi cazzi. La continua concentrazione sulle possibili mosse del tuo avversario. Il continuo studio di ciò che potrebbe essere e delle sue implicazioni. Ora avanti uno, ora avanti l'altro. 2 cavalli che vedono il traguardo e usano le loro strategie per cercare di varcare la linea del traguardo davanti al proprio avversario.

La prima stagione la vince Bobby. La seconda la vince Chuck.

E tu resti lì, difronte allo schermo, a porti mille interrogativi. Chi vincerà la bella? Wendy? Cosa accadrà? Quando andrà in onda la terza stagione? Come si prende sonno dopo aver visto uno spettacolo simile?

Tante domande. Nessuna risposta. Oppure si. Voglia di prendere carta e penna e disegnare l'albero delle possibilità. Anzi no. Perchè rovinarsi il viaggio? Perchè auto-spoilerarsi la terza stagione?

Ah fly.

Ok ho finito. Blog inutile questo.

No. Perchè un giorno tornerò a casa ripensando a quanto fatto durante il giorno e rivedrò nelle azioni qualcosa che avrà avuto a che fare con quanto ho visto oggi. Ne sono certo. Ecco: un buon motivo per buttarsi sotto le coperte potrebbe quello di sperare di sognare quel giorno.

Allora chiudiamola così: buonanotte/buon ritorno a casa.

Homecoming. Homecoming. Homecomiiin'